Legame tra denti e postura

Diversi studi hanno accertato che esiste una stretta relazione fra denti e postura. Una malocclusione dentale può infatti avere delle ripercussioni negative sulla postura, nello specifico sui muscoli del collo, della testa e della schiena.

È bene tener presente che la situazione dei denti può esercitare una grande influenza sulla postura fisiologica,. Vediamo insieme in che modo si sviluppa questo importante legame.

Influenza dei denti sulla postura e disturbi connessi

Se la chiusura dell'arcata dentale non combacia in modo corretto, ad esempio a causa di denti non allineati o mancanti, o per malformazioni scheletriche, i muscoli lavoreranno in maniera. Questa problematica crea così delle tensioni, che si scaricano a catena sul collo, sulle spalle e sulla colonna vertebrale, che nel tentativo di compensare lo squilibrio, faranno assumere al corpo una postura asimmetrica. È molto importante riuscire ad assumere una postura corretta, in quanto la situazione dei denti può influire in maniera significativa sulla postura fisiologica. Nel caso di problematiche dentali, possono verificarsi le seguenti conseguenze posturali:

  • Alterazioni dell’equilibrio;

  • Mialgie;

  • Riduzione della forza;

  • Cefalee tensive;

  • Cervicalgie;

  • Disturbi acufeni e disturbi visivi scoliosi, cifosi o lordosi (con modifiche patologiche del normale allineamento della colonna vertebrale).

Per valutare lo stato di un'eventuale malocclusione, bisogna prima considerare che ne esistono diverse tipologie, suddivise in classi:

  • I classe: I denti dell’arcata superiore sovrastano leggermente quelli dell’arcata inferiore;

  • II classe: L’arcata mascellare sporge eccessivamente rispetto all’arcata mandibolare;

  • III classe: Arretramento dell’arcata superiore rispetto a quella inferiore;

In particolare, la malocclusione di III classe genera un arretramento della testa e il conseguente spostamento del baricentro, generando mialgie notevoli e cifosi. La malocclusione di II classe provoca problematiche posturali, avanzamento della testa, con adeguamento posturale errato e foriero di lordosi/mialgie.

l paziente per stabilire che un’alterazione posturale è riconducibile ad un difetto occlusale è necessario eseguire accurati esami clinici e strumentali, che coinvolgono diverse categorie di specialisti, al fine di programmare un piano personalizzato.

Post recenti
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Instagram